Spedizione Gratuita, in tutta Italia, con Ordini Superiori a 170€

Gli Stagionati Tradizionali

Gli Stagionati di Nero SemiBrado

I Cotti

Visualizza Tutti

La Carne da Cuocere

Carne Fresca di Maiale Nero

Cinghiale Umbro

Il Pollame Ruspante

Le Bombette

La Porchetta di Suino Umbro

La Scrocchiafegato

La Porchetta Cruda da Cuocere

Visualizza Tutti

La Pasta Fresca

Formaggi Km 0

Tartufo Fresco dell'Umbria

Dal Nostro Forno

Visualizza Tutto

La Nostra Storia

Nuova Sede 2022

Dove Siamo

Orari di Apertura

La Grande Sbraciata

Il Tagliere degli Stagionati di Maiale Nero

Il Tagliere degli Stagionati tradizionali

Il Tagliere Invernale dei Cotti

Il Tagliere dei Pecorini

La nostra storia

In una cittadina vicina vicina

L'origine della Macelleria Pucci va ritrovata nel piccolo comune di Massa Martana, durante la Seconda Guerra Mondiale, dove nascono i fratelli Pucci Ugo, Angelo e Filippo. Sfuggendo alla fame del dopoguerra, si trasferiscono a Terni, seguendo la rinascita economica delle città. Negli Anni Sessanta il boom economico e il ritrovato benessere porta la carne fresca sulle tavole degli italiani e dunque i fratelli Pucci non potevano non cogliere l'opportunità. Nasceva ufficialmente l'epoca del "più fettine per tutti", degli elettrodomestici in casa e dunque del frigorifero. Quello che era stato un bene di lusso, riservato all'alta borghesia e alla nobiltà, diventa un riscatto per tutte le classi sociali. Si perché in campagna il vitello si vendeva ai ricchi, e a tavola al massimo c'era il pollo. Ugo, che non aveva mai mangiato una fettina (o una bistecca) per i suoi primi quindici anni di vita, per la solita legge del contrappasso, diventa macellaio.

In una primissima fase la macelleria viene collocata nel centro storico di Terni, in via Cavour. Certamente la città all'epoca non era come oggi. Nè esisteva il concetto di zona a traffico limitato. Poi lentamente i fratelli Pucci si danno nuovi obiettivi. Nel frattempo in via Piave 44, un vecchio macellaio di inizio Novecento era in difficoltà economica, faticava a pagare i debiti contratti con un commerciante di bestiame. Siamo subito dopo la Seconda Guerra Mondiale. Il commerciante di bestiame rileva l'attività e la mantiene per un periodo di tempo.

La macelleria negli anni Quaranta, prima di venire acquistata dai fratelli Pucci

I fratelli Pucci decisero dunque di rilevare l'attività, chiudendo poco dopo il punto vendita di via Cavour. A quel punto i fratelli Pucci presero una decisione: Ugo sarebbe rimasto a Terni a occuparsi del negozio e della stagionatura dei salumi, Filippo e Angelo tornarono a Massa Martana per sviluppare altre attività inerenti la macelleria, l'allevamento e l'agricoltura.

Ugo Pucci negli anni Novanta, nel primo laboratorio di stagionatura.

Tra aggiunte e modifiche la gestione rimarrà invariata fino al 2014, anno della morte di Ugo Pucci. Negli anni successivi viene implementato un laboratorio di pasta fresca e un'estensione della linea di salumi prodotti.

Ugo Pucci alla fine degli anni QuarantaUgo alla scuola elementare, a San Pietro sopra le acque (oggi diventato ristorante), a Massa Martana alla fine degli anni Quaranta.

L'intervista del 2013

All'inizio del 2013 una scuola di Terni promosse un'inchiesta video sulle attività storiche della città. Grazie alla memoria di alcuni amici, siamo riusciti a recuperare questa intervista video integrale. Pochi mesi dopo aver registrato il video qui sotto, Ugo si è ammalato di un male incurabile, uscendo per sempre dalla sua macelleria.

Cerca